17 334 BANNER GOURMARTE 990x60px 1

I CASONCELLI SONO PIU’ BUONI FATTI “CONCUORE”

Tra i monti della Val Serina la cooperativa sociale ConTatto ha dato vita ad un raviolificio

Stima emozionale: O GourmarteO Gourmarte

Ottobre 2017

Casoncelli ConCuoreIl casoncello tradizionale di Valpiana, frazione di Serina, è piccolo, ha una forma quadrata leggermente bombata (è l’effetto del generoso ripieno), la pasta è realizzata unendo semola di grano duro alla farina di grano tenero, il ripieno contiene oltre il 50% di mortadella, unica carne prevista. La tradizione, mantenuta dalle famiglie del posto, è stata ripresa tale e quale dalla cooperativa sociale Contatto (si legge anche Con-Tatto), la Onlus che nel piccolo borgo della val Serina si occupa da alcuni anni di fornire opportunità di lavoro a chi ha più bisogno di aiuto. C’è chi si occupa di assemblaggi elettromeccanici, chi di digitalizzazione informatica, chi di giardinaggio...

ALICIANO, IL BISCOTTO SENZA LIEVITO DEDICATO AD ALZANO

Lo sfornano i fratelli Trionfini su ricetta della monaca di clausura

 

Stima emozionale: O GourmarteO Gourmarte

Luglio 2017

 

Giuseppe a sinistra e Diego Trionfini con il nuovo biscotto AlicianoDa panettieri di vaglia, di certo tra i migliori della bergamasca, la passione per i biscotti la coltivano da sempre. Sono i fratelli Trionfini, Giuseppe e Diego, originari di Dossena ma “calati” da ragazzi in quel di Alzano Lombardo a seguito del padre Andrea, anch’egli panettiere come già il nonno. Tre generazioni per 70 anni filati di attività, traguardo tagliato giusto quest’anno. Che fare per festeggiare la ricorrenza? Ma un nuovo biscotto naturalmente, dopo i tanti messi a punto negli anni...

 

 

 

 

LA PECORA BERGAMASCA È GIGANTE ANCHE NEI SALUMI

Un pastore ed un norcino “suonano” violini di gran gusto

Stima emozionale: O GourmarteO Gourmarte

Maggio 2017

Silvestro Maroni a sinistra e Vanni Forchini con il violino di pecora Gigante BergamascaMetti un pastore di recente vocazione ed un macellaio di lunga esperienza ed ecco nascere una nuova impresa che, seppur piccola, potrà segnare un cambiamento di rotta nel mondo della pastorizia bergamasca, una realtà poco conosciuta ma che ancora vanta numeri non proprio irrisori (i pastori transumanti, una trentina, portano a spasso per la provincia circa 35mila capi). I protagonisti di questa storia sono Silvestro Maroni, di Cerete, e Vanni Forchini, bresciano di Valcamonica. Il primo ha lasciato il mestiere di fornaio per dedicarsi a quello di pastore interpretandolo in maniera più moderna, con una visione prospettiva innovativa. Il secondo dopo 42 anni di onorata carriera come macellaio e salumiere ha raccolto la sfida mettendo a disposizione della nuova attività l’esperienza maturata prima nel suo negozio di Pian Camuno, quindi nel laboratorio di salumeria aperto in condivisione con Antichi Sapori Camuni. Per dar una futuro all’attività pastorizia, ha pensato Maroni, è necessario dare un valore aggiunto ai prodotti che si ottengono dalla lavorazione dell’ottima carne che fornisce la Pecora Gigante Bergamasca che per natura si avvale per tutta la sua esistenza del sistema alimentare ritenuto migliore, libera di pascolare l’erba, quella che gli inglesi identificano con il termine di “graas fed”. Per farlo serviva l’abilità di un macellaio di prim’ordine, possibilmente già avvezzo a sezionare e lavorare la carne ovina. Forchini, lasciata da poco la precedente collaborazione, era libero, perché non proporgli di cimentarsi in una nuova sfida? Detto fatto, sui terreni di Ranzanico di proprietà della famiglia, Silvestro Maroni ha chiesto ed ottenuto la concessione per costruire il laboratorio dove poter lavorare direttamente, naturalmente con l’aiuto fondamentale di Vanni Forchini, le carni delle pecore e dei castrati (i maschi che raggiungono circa un quintale di peso con la resa migliore tra i 18 ed i 20 mesi) allevati direttamente oppure forniti da altri pastori amici. “Mi piacerebbe creare una rete tra tutti i pastori della bergamasca, dice, così da poter contare stabilmente su un buon numero di capi pronti da trasformare...

CASONCELLO CAMUNO

i casoncelli a borsetta del laboratorio Bertoletti Famiglia che vai, tra la bergamasca ed il bresciano, casoncelli che trovi. Quelli del piccolo pastificio artigianale di Valentina Bertoletti in quel di Esine, sono il frutto della mediazione tra le ricette delle due nonne trasmesse e rielaborate da mamma Mariangela (che dà una grande mano sia in laboratorio che nel punto vendita). Il caso ha voluto che nessuna delle due usasse, come invece è assai diffuso in Valcamonica, inserire nel ripieno le erbette, né quelle coltivate (verze, bietole, spinaci), né quelle spontanee come l’erba di San Pietro con il suo caratteristico sapore amarognolo. Solo carne rossa, di manzo, e bianca, di pollame, unita a pangrattato, Grana Padano, spezie varie e legate naturalmente con l’uovo. Ed a proposito di uova, per mantenere segreta la ricetta, non è dato sapere quanti tuorli vengano usati per chilo di farina. Dalla consistenza e dal colore della pasta, più che dal suo gusto che naturalmente diventa un tutt’uno, confondendosi, con il ripieno, si direbbe una mezza dozzina, forse meno. La forma, quella, si disvela immediatamente, ed è piuttosto inconsueta...

LA PROMESSA MANTENUTA DELL’INGEGNERE-VIGNAIOLO

Eleonora e Emanuele al lavoro nei vigneti dellAngelinettaNel 2008, in contemporanea con l’istituzione della denominazione Terre Lariane, IGT che copre quasi tutto il territorio delle province di Como e Lecco, Eleonora ed Emanuele decidono di metter su cantina a Domaso, sul versante a settentrione della sponda comasca del Lario. Un posto incantevole, una finestra sul lago ereditata dai genitori e inserita nella splendida proprietà dei Miglio (proprio lui, Gianfranco, il politologo divenuto ancor più famoso come ideologo della Lega). Emanuele Angelinetta lo aveva detto a chiare lettere anche quando sembrava che gli studi di ingegneria lo portassero altrove: “da grande farò il vignaiolo sui terreni già coltivati da mio nonno e da mio padre. E non lo farò per hobby ma sarà la mia professione”. Non molti ci credevano, ed invece con il consenso ed il contributo di Eleonora ecco che quella promessa diventa una piccola ma significativa realtà. La cantina Angelinetta può oggi contare su quasi cinque ettari di vigneto specializzato, metà già in piena produzione e metà di impianto recente. Cinque le etichette - il design è allegro e simpatico - disponibili: due bianchi, altrettanti rossi ed un rosè ottenuto da un blend di schiava e marzemino. 

ORGANIZZAZIONE

ORGANIZZAZIONE PROMOBERG LOGO
Via Lunga c/o Fiera di Bergamo
24125 Bergamo
Tel. + 39 035 3230911


Multimedia



Tel. +39 02.28040587
multimedia@multimediamilano.it

MAIN SPONSOR

 logo new ubi banca

 

Logo REG LOMBARDIA oriz   

 

Schermata 2017 11 09 alle 10.23.12 

 

PARTNERS

Continuando la navigazione, si accetta l'uso dei cookies che ci consente di fornire un servizio ottimale e contenuti personalizzati